Tu sei qui

Civitella

 

Il sito archeologico della Civitella si sviluppa  nella parte sommitale della omonima collina del comune di Moio della Civitella. L'area è stata esplorata dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno a partire dai primi anni sessanta dello scorso secolo, partendo dalle evidenti tracce monumentali da sempre visibili sul terreno.

Le stesse evidenze archeologiche che ne hanno originato l'attuale toponimo di "Civitella" risalente all'epoca della presenza Longobarda sul territorio tra il IX e il XII sec.

Ma la testimonianza più evidente ci viene dallo scritto di un erudito locale del XIX secolo Mons. G. Alario, il quale scrive:

 “mura costruite di pietre lavorate a scalpello e connesse senza cimento, che ancora sussistono. Inoltre la immensa quantità di rottami e di cocci che sono sparsi sul declivo di quel monte e i molti oggetti di metallo e di creta che vi sono rinvenuti e che vi si rinvengono sono un argomento luminoso dell’esistenza della città. I contadini difatti, lavorando, in quella località, vi hanno trovate statuette di Apollo, idoletti di creta, coltelli di pietra focaia, e un gran numero di monete”.

 

Moneta in bronzo velina

 

 

  Visita guidata al sito

 

        Accedi alla Visita Guidata al Sito Archeologico

 

   Mappa archeologica

 

Consulta  qui la mappa archeologica del sito, per il download della stessa  in formato PDF accedere alla sezione Download documenti.

 

  English version for guide

 

  La collina della Civitella

Visualizza la modellizzazione GIS della simulazione a "volo di uccello" dell'area del parco; la visione del filmato  consente di comprendere appieno le caratteristiche morfologiche ed ambientali della collina e dell'insediamento archeologico.